news

La prima giornata del 62esimo TaorminaFilmFest

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

La prima giornata del 62esimo TaorminaFilmFest si è aperta all’insegna dell’animazione, con la presentazione alla stampa del film Alla ricerca di Dory, seguito di Alla ricerca di Nemo, che, tredici anni dopo il primo capitolo, ci riporta sott’acqua insieme a Dory, Marlin e Nemo, pesciolini colorati e spericolati che attraversano l’oceano pur di ritrovarsi.

Dory Teatro Antico S

A moderare la conferenza stampa del nuovo film Disney Pixar è stato Francesco Castelnuovo, volto di Sky, che ha fatto da tramite tra la platea e il Trio Medusa, più l’attore Angelo Duro, intervenuti in qualità di testimonial di “Trova Dory sul web”, che ha il suo hashtag ufficiale, #TrovaDory, concorso legato al film cui parteciperanno tredici volti noti italiani, di cui il pubblico dovrà scoprire l’identità, oltre che a rispondere a delle domande sulla smemorata protagonista del film, potendo vincere numerosi premi, tra cui un viaggio in California. Alla ricerca di Dory è stato poi presentato, grazie a una proiezione speciale in lingua originale, al Teatro Antico, per l’occasione trasformato in un paesaggio sottomarino, con installazioni e centinaia di palloncini colorati ispirati ai personaggi del film.Dory Trio Medusa S

Il pomeriggio ha visto inoltre l’inaugurazione della sezione Campus, che si concentra su incontri formativi indirizzati soprattutto agli appassionati di cinema più giovani: il primo dibattito è stato tra i registi Francesco Munzi e Piero Messina, entrambi ex allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia, che, durante la conversazione moderata dal direttore artistico del festival Jacopo Mosca e da Valentina Ariete, hanno parlato dei loro anni di formazione alla prestigiosa scuola di cinema, interrogandosi sulla necessità di un percorso di studi e sul talento puro, che molto spesso non si apprende, ma è naturale.

Nella prima giornata ha inoltre avuto luogo un evento storico: Richard Gere, ospite e presidente onorario del 62esimo TaorminaFilmFest, ha presentato, alla presenza di 300 senza tetto, il suo film Time Out of Mind, di Oren Moverman, preceduto da un incontro con il Ministro del Lavoro e della Politiche sociali Giuliano Poletti che, davanti a 400 persone, ha promosso il progetto #HomelessZero, per cui l’attore ha girato uno spot, cui parteciperanno anche gli altri ospiti italiani del Festival. Il Ministro ha firmato un protocollo d’intesa tra il Ministero e la Fiopsd (Federazione italiana organismi per le persone senza dimora), con cui si impegna a stanziare 100 milioni di euro per i senza tetto, commuovendo la star americana, che ha detto: “Sentire che il governo italiano destinerà tanti soldi per questo tema è importante: è fondamentale, come dice il Ministro, reinserire i senza tetto nella società e dare loro una casa. È un cambiamento che parte dall'Italia e può essere seguito in tutto il mondo, se anche altri leader e associazioni apriranno il loro cuore”.

Richard Gere S

La cerimonia di apertura al Teatro Antico, che ha preceduto la proiezione di Alla ricerca di Dory, ha visto l’arrivo sul palco del Sindaco di Taormina Eligio Giardina e dell’Assessore Regionale turismo, sport e cultura Anthony Barbagallo, che hanno inaugurato il Festival insieme a Tiziana Rocca, general manager del TaorminaFilmFest. È seguita poi la consegna del Pardo speciale, effettuata dal presidente del Festival di Locarno, Marco Solari, a Tiziana Rocca, a sancire la sinergia tra le due manifestazioni cinematografiche. È stata poi presentata, dai co-direttori artistici Jacopo Mosca e Chiara Nicoletti, la giuria di giovani ANEC Sicilia, coordinata da Francesco De Luca e presieduta dall’attrice Monica Guerritore. È stato poi consegnato il Premio Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) all’attore Alessandro Borghi, protagonista dei film Non essere cattivo di Claudio Caligari e Suburra di Stefano Sollima. È stato quindi presentato ufficialmente lo spot della campagna #HomelessZero con protagonista Richard Gere e all’attore è stato consegnato il premio Humanitarian Award, alla presenza del Ministro Poletti e della madrina dell’iniziativa Bianca Balti